Ginnastica Tubarica

La ginnastica tubarica è molto importante se non fondamentale per qualunque subacqueo e soprattutto per gli apneisti

La ginnastica tubarica è molto importante se non fondamentale per qualunque subacqueo e soprattutto per gli apneisti perché serve per allenare tutte le strutture del distretto rino-faringeo-tubarico che indirettamente o direttamente intervengono nella meccanica della tuba di Eustachio e quindi nella compensazione.
Questa ginnastica ha anche lo scopo di rendere la compensazione più efficace ed adeguata, proteggere le strutture auricolari da lesioni di qualunque tipo, permettere ad ognuno di individuare ed applicare la tecnica di compensazione migliore in base alle proprie capacità ed obiettivi.
Lo scopo della ginnastica tubarica è:
-Rinforzare, tonificare le strutture del distretto rino-faringo-tubarico.
-Proteggere le strutture auricolari da lesioni.
-Allenare la compensazione.
-Permettere a ognuno di trovare e poter applicare la tecnica di compensazione migliore.

Esistono diversi tipi di ginnastica tubarica:

MUSCOLARI:
Servono a rinforzare ed armonizzare le strutture del distretto rino-faringeo.
-Si eseguono fuori dall’acqua, inizialmente richiedono un impegno quotidiano: 10-15 minuti al giorno per circa 1 mese.
-Successivamente è sufficiente una volta alla settimana.
Gli esercizi muscolari se eseguiti correttamente spesso inducono il riflesso dello sbadiglio e del vomito.
Si dividono in:
MUSCOLARI -LINGUALI:
-Portare fuori la lingua il più possibile verso il mento, poi ritirarla e spingerla molto indietro mantenendo l’apice aderente al pavimento orale.
-Spazzolare avanti e indietro il palato con la lingua spingendosi indietro il più possibile.
-Percorrere il perimetro labiale con la lingua prima in un verso poi nell’altro.
MUSCOLARI -MANDIBOLARI:
-Aprire e chiudere ripetutamente la bocca.
-Spostare la mandibola lateralmente (destra e sinistra) senza contrarre le labbra.
-Movimenti mandibolari rotatori prima in un senso poi nell’altro.
MUSCOLARI -VELARI:
-Pronunciare una serie di 3 ” A ” successive, brevi ed energiche. Analogamente serie successive di tutte le vocali, poi ” ik “, “ ak “, ” ok “, ” uk “.
MUSCOLARI -LINGUO-MANDIBOLO-VELARI:
-Cercare di indurre uno sbadiglio (inspirare) profondamente dalla bocca, rimanere in apnea di 2-3 secondi durante i quali, tenendo la bocca aperta, si contrae il velo senza emettere suono; poi rilasciare l’aria dalla bocca.

AUTOINSUFFLAZIONE:
Si eseguono sia fuori che in acqua (Valsalva). Non devono mai essere eseguiti in caso di infiammazione delle orecchie o di forte raffreddore. Servono per l'allenamento specifico della tuba di Eustachio.
Si dividono in:
ESERCIZI DI DEGLUTIZIONE:
-Deglutire un sorso d’acqua chiudendo il naso e abbassando la testa.
ESERCIZI DI SOFFIO:
-Spegnere una candela posta a distanza sempre crescente.
-Gonfiare palloncini.
-Soffiare con una cannuccia in un contenitore pieno d’acqua.

Inviata da Ale il 15-07-2010